Ultima modifica: 4 Giugno 2024

Laboratori CIRFOOD

Durante il mese di maggio l’azienda Cirfood ha proposto ai bambini di tutte le classi della scuola primaria di Lorenzana, dei laboratori per promuovere la sana alimentazione attraverso storie, giochi e piccoli esperimenti.

I bambini della classe prima e della classe seconda hanno partecipato al progetto “Tavolozza-Arcobaleno”. Questa esperienza educativa si è svolta in due incontri, ciascuno della durata di due ore, arricchendo le menti curiose dei nostri alunni.

Le dott.sse Bianca Maria Baldacci e Carla Ticciati, hanno sensibilizzato i bambini ad un maggior consumo della frutta e della verdura.

Nel primo incontro, la cuoca, conosciuta affettuosamente come “Bianchina dal gusto sopraffino”, ha coinvolto i bambini in un gioco, spiegando l’importanza dei diversi colori, ciascuno associato a specifici principi nutritivi. 

Nel secondo incontro, i bambini hanno svolto un laboratorio di pittura, utilizzando i colori naturali della verdura, per realizzare i loro disegni creativi. È stata un’esperienza didattica-educativa molto significativa che ha entusiasmato molto le bambine e i bambini, alimentando in loro curiosità verso un’alimentazione sana e colorata.

Nella classe quinta invece hanno partecipato al laboratorio “Mondintavola”, tenuto dalla dottoressa Carla Ticciati. 

L’obiettivo è stato scoprire i piatti della cultura alimentare delle diverse etnie presenti sul nostro territorio. Quindi accogliere le differenze alimentari nel menù scolastico attraverso il consumo di un pranzo speciale che si terrà il prossimo 7 giugno.

I ragazzi hanno anche raccolto ricette delle diverse regioni e Nazioni, in particolare Marocco, Albania e Norvegia, avendo presenti in classe compagni di questa provenienza. 

Il lavoro ha offerto l’occasione per riflettere e confrontarsi su ciò che sta dietro i comportamenti alimentari caratteristici di ogni famiglia e comunità e acquisire anche la consapevolezza che sia di stimolo alla conservazione e al rispetto della tradizione di tutti.

I ragazzi si sono mostrati molto coinvolti e molto entusiasti di questa esperienza, che ha permesso loro di conoscere le relazioni tra ambiente, cultura e comportamenti alimentari.

Lascia un commento

 

Link vai su